Salute ~ Ambiente Sport ~ Società Beni culturali ~ Patrimoni edilizi Imprese ~ Economia Scuola ~ Università Turismo ~ Enogastronomia Innovazione Tecnologica Virtual Poleis
  |Home|  
1
2
3
4
5

Su un modello di G.B. Foggini (Firenze 1652-1725). Tavolo con ornati.1716
Commesso di pietre dure, su base in ebano, bronzo dorato e pietre dure, cm 110 × 196; h. della base cm 92
Firenze, Galleria Palatina, inv. Mobili Artistici, n. 1506

Dagli splendori di corte al lusso borghese.
L’Opificio delle Pietre Dure nell’Italia unita
Galleria d’arte moderna, Palazzo Pitti, Firenze. 17 maggio – 11 settembre 2011

La ex-manifattura granducale, che di lì a poco avrebbe mutato il suo nome in Opificio delle Pietre Dure, partecipò, con lavori antichi e moderni in pietre dure, all’Esposizione Nazionale del 1861, che a Firenze celebrò la freschissima unità d’Italia. Celebre in tutta Europa, l’aristocratica manifattura che fino dalla sua fondazione, nel 1588, aveva lavorato al servizio esclusivo della corte, si presentò all’ appuntamento con la magnificenza di sempre, e forse con la convinzione di poterla perpetuare, anche nella nuova condizione di istituto statale, in obbligo di finanziarsi con le vendite al pubblico. Potevano confermarla in quella che si rivelò un’illusione i lusinghieri commenti ricevuti nell’ occasione: “Quanto tempo avrà mai costato questa composizione che vi riproduce in una tavola marmorea tutta intera una primavera?”.
E davvero una primavera in perenne fioritura è quella che germoglia radiosa nei mosaici dell’Opificio allora e negli anni a seguire, facendo rivivere il naturalismo che aveva brillato nei mosaici del periodo mediceo, ma al tempo stesso assecondando la passione floreale, all’epoca dominante nelle arti decorative di tutta Europa.
Questa finale e seducente attività dell’Opificio per la prima volta è oggetto di una mostra, curata - come il catalogo edito da Sillabe - da Annamaria Giusti, e aperta alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti dal 17 maggio all’11 settembre. Dopo una sezione introduttiva, che riunisce un florilegio di creazioni medicee e lorenesi, di premessa allo stile dei lavori ottocenteschi, la mostra presenta la produzione del periodo post-unitario, che continuò a distinguersi per preziosità di materiali e magistero tecnico, patrimonio irrinunciabile dell’ antico “commesso” fiorentino. Pannelli parietali, tavoli, cofanetti, sculture in pietre dure e oggetti di arredo affascinano per lo splendore pittorico delle pietre rare, come per le ricercate invenzioni decorative.
La mostra è stata promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con la Soprintendenza Speciale per i Beni Artistici e Storici ed Etnoantropologici e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria d’arte moderna, Firenze Musei e dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

  Altre Gallery:

Tiepolo

Donatello

BOLDINI, PREVIATI E DE PISIS

Montefalco (PG): Il Carapace

Picasso a Milano

La Fabbrica Sospesa

L Architettura del mondo

SIENA: il Pavimento della Cattedrale

Venezia: le sale di Sissi

Progetto NIKER

Palladio Museum

Francesco Guardi

Luca Signorelli

LA CITTA’ IDEALE

Sorolla

Tintoretto

Miró! Poesia e luce

LUX IN ARCANA

Terni, la Scarzuola

Firenze. Palazzo del Leone

Sepolcro degli Scipioni

PIER LUIGI NERVI

Giuseppe Motti

ARMENIA

MONDRIAN

Farmacia Museo e Fabriano

Agostino Carracci

MNAF

WTE UNESCO 2011

Restaurata la Torre degli Ezzelini

CANTIERE MOLE 2011

Gio Ponti

I Mercati di Traiano in mostra-restauro

Quel Che Il Mare Conserva...

Young Architects Program

Roma: il Ponte della Musica

Opificio delle Pietre Dure

ROMA NASCOSTA

i-MiBAC Voyager

Rietveld

MATERIALI COMPOSITI

PIER LUIGI NERVI

MAXXI Cantiere d'autore

La Casa di Carlo Goldoni

Forte Malatesta (AP)

Il Mondo di Escher

Nuovo volto per l'ex Choccolat Tobler

SITI UNESCO IN ITALIA

IL MAXXI a ROMA

Restauro Palazzo Ducale

Frank O. Gehry

Castello Bufalini

Lughia

UNESCOITALIA

David Chipperfield

Collezione Caprai

Teatro Morlacchi - Perugia

Palladio

Arazzeria medicea

Architettura rurale umbra

MAC Milano

Tiziano

Canova

Museo del Design Italiano

Scoperto il Lupercale

Pintoricchio

6 progetti per Intesa Sanpaolo

Fondazione Ermitage Italia

Il futuro del Futurismo

Tiziano. L'ultimo atto.

Etruschi di Volterra

Fuksas