Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 
 HOME > Beni culturali    NOTIZIE O Line
 

“Habemus Papam”, la collezione in bronzo di Oldani esposta a Bergamo

Sarà presentata in occasione del convegno "Giovanni XXIII E Paolo VI. I Papi del Vaticano II", in programma il 12 e 13 aprile al Centro Congressi Giovanni XXIII


Nell’ambito del convegno "Giovanni XXIII E Paolo VI. I Papi del Vaticano II", in programma il 12 e 13 aprile al Centro Congressi Giovanni XXIII di Bergamo, sarà presentata in anteprima assoluta la collezione in bronzo “Habemus Papam” dello scultore bergamasco Luigi Oldani. «Si tratta - spiega l'artista Luigi Oldani - di una collezione di bassorilievi in bronzo dedicata ai Pontefici dal Concilio ai giorni nostri, Papi che hanno accompagnato lo scorrere della mia vita in questi primi 50 anni. Uomini che hanno accolto la chiamata facendosi carico del peso di una responsabilità enorme. Da qui la scelta di ritrarli in una veste nuova, in primissimo piano, senza paramenti, con il capo reclinato come a sottolinearne l'humilitas che li ha contraddistinti e accompagnati durante tutto il loro pontificato. Formelle quadrate, tasselli di vita, frammenti d'anima».

Chi è Luigi Oldani
Nato nel 1963 a Bergamo, Luigi Oldani ha studiato alla scuola professionale disegno meccanico, conseguendo con il massimo dei voti il diploma di disegnatore particolarista. Autodidatta e da sempre appassionato d'arte, ha proseguito gli studi alla scuola di pittura di Dalmine ed è stato per diversi anni allievo del maestro Antonio Paris (1938-1998). Ha iniziato ad esporre in collettive dal 1984, la prima personale è del 1989. Nel 1993 con un gruppo di amici artisti fonda l'Associazione culturale "ArteDalmine" che per alcuni anni si è proposta come punto di riferimento per l'attività artistica locale. L'Accademia internazionale dei dioscuri nel 1994 assegna all'artista il premio "Roma Capitale". Sempre nel 1994 l'Accademia internazionale Greci Marino Accademia del Verbano nomina l'artista Accademico associato, mentre nel 1998 gli viene conferito il titolo di Cavaliere Accademico. Nel contempo Luigi Oldani ha intrapreso e proseguito il lavoro di incisore nel laboratorio del padre Angelo, divenendone successivamente il titolare. Con il lavoro ha avviato la collaborazione con la LORIOLI, (Azienda leader in campo Internazionale nella produzione di medaglie e placchette di grande qualità) in particolare con Dott. Vittorio Lorioli, scomparso nel gennaio del 2012, vero luminare del settore. Grazie a Lui si è avviato così anche alla modellazione e alla scultura, ora sua attività artistica preminente, nonché alla coniazione di medaglie. Nel dicembre dell'anno 1999 è stato ricevuto con i familiari nel Palazzo Apostolico in Vaticano, da Sua Santità Giovanni Paolo II. Dal 2003 è membro del consiglio direttivo del Circolo Artistico Bergamasco. È iscritto all'ANPES – Albo Nazionale Pittori e Scultori; AIAM - Associazione Italiana Arte della Medaglia, FIDEM – International Medal Federation. In particolare con AIAM e FIDEM partecipa regolarmente alle mostre Nazionali ed Internazionali dedicate alla medaglia d'Arte, che queste associazioni organizzano. Il 2 giugno 2008 con decreto del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere onore al merito della Repubblica Italiana. Nel 2010, a seguito del devastante terremoto, è ideatore dell'iniziativa "Oldani for Haiti" che, tramite la scultura PRINCE, fusione in bronzo a cera persa, con tiratura 99 esemplari numerati, si prefigge di aiutare la Fondazione Francesca Rava NPH Italia onlus, nel sostentamento dell'Ospedale pediatrico NPH Saint Damien, in Haiti. In occasione della visita a Bergamo del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, (2 febbraio 2011) ha realizzato il suo ritratto -matite su carta- il quale è stato fatto pervenire al Presidente come dono da parte di U.N.C.I. - Unione Nazionale Cavalieri d'Italia sez. di Bergamo. A dicembre 2011 Oldani presenta l'iniziativa realizzata per Avsi "In cerca di cibo, dacci oggi il nostro pane quotidiano", cartella contenente sei litografie d'arte, tirata a 100 esemplari e firmate dall'autore, il cui scopo è la raccolta fondi per il Corno d'Africa a seguito della grave carestia. La cartella numero I/X nella disponibilità dell'artista è stata donata al Santo Padre. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private, tra cui si citano: GAMEC Accademia Carrara, BG; Museo del Presepio Dalmine (BG); Museo Beata Caterina Cittadini (BG); Museo Arte della Medaglia, Buja UD; DAC Seixal, Portogallo; Medagliere della Biblioteca apostolica vaticana.


(08-04-2013 07:31)



 
[ stampa ]  [ archivio ]  [ home ]

A Perugia, l'inganno di venticinque artisti internazionali

L'arte invade il porto di Marina di Scarlino

Vittoriana Benini, l’artista delle bambole, al Quirinale

Restaurato a Cosenza l’Oratorio dell’Arciconfraternita del Rosario

Peppe Capasso in mostra a Napoli

Arnaldo Pomodoro nella nuova sede della Fondazione